Faq

Comunicazioni e contatti

  • Per inviare comunicazioni ufficiali all’Agenzia quale casella di posta posso utilizzare?

    Tutte le comunicazioni e i documenti da inviare all’Agenzia devono essere indirizzati alla casella PEC dell’Ufficio reclutamento: dir.personale.reclutamento@pec.adm.gov.it.

  • Ho ricevuto via PEC la conferma dell’invio della mia domanda di partecipazione al concorso. Posso rispondere alla PEC o utilizzare l’indirizzo ivi riportato?

    No. Nessun messaggio pervenuto ad un indirizzo di posta diverso da quello dell'Ufficio reclutamento, dir.personale.reclutamento@pec.adm.gov.it,  sarà processato, trattato o riscontrato.

Compilazione domanda

  • Quali sono le coordinate per il versamento della quota prevista dal bando per le spese di segreteria e amministrative?

    IBAN: IT43N0100003230000000000618, intestato a “Agenzia dogane e monopoli”, sul quale sarà versato un importo pari a € 10,33.

  • Al momento di inviare la domanda ottengo un errore: Si è verificato un errore inatteso. Riprova più tardi, grazie.

    L'errore è causato dall'impossibilità di processare la domanda per dati non corretti.

    Verificare che:

    1. L'indirizzo PEC sia corretto
    2. L'indirizzo Email sia corretto

    in molti casi abbiamo riscontrato indirizzi non validi, come ad esempio:

    Indirizzo inserito: tuonome@pec

    Indirizzo valido: tuonome@pec.it

     

  • Come posso effettuare il versamento della quota prevista dal bando per le spese di segreteria e amministrative, tramite Poste Italiane?

    I Clienti di Poste Italiane potranno effettuare un bonifico “SEPA” che sarà riversato sul conto dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli

  • Posso effettuare il versamento della quota prevista dal bando per le spese di segreteria e amministrative, anche da un conto non intestato a me?

    Si, indicando comunque nella causale il codice fiscale del candidato.

  • Come eseguire il bonifico on-line se il campo note non permette di inserire per esteso la causale di cui all’art. 4 del bando?

    È possibile abbreviare la causale del bonifico nel modo seguente: “C.P. a 766 posti III Area F1_codice fiscale del candidato “ oppure "C.P. a 460 posti II Area F3_codice fiscale del candidato”, a seconda della procedura alla quale si intende partecipare.

  • Se presento la mia candidatura per entrambe le procedure devo effettuare due distinti versamenti della quota di partecipazione?

    Si. Se si partecipa ad entrambe le procedure è necessario effettuare due distinti versamenti con le diverse causali  previste dall’articolo 4, ultimo comma, dei bandi.

  • È possibile presentare la propria candidatura per entrambi i bandi di concorso? (766 posti III Area - F1 e 460 posti II Area F3)

    Si, è possibile partecipare ad entrambe le procedure concorsuali. Per ciascuna procedura il candidato potrà indicare un solo codice di concorso.

  • Oltre alla lingua inglese sono in possesso della conoscenza di due lingue tra quelle ulteriori previste dal bando, vanno indicate entrambe?

    No. Il candidato oltre alla lingua inglese deve indicare, ove previsto dal bando, solo una lingua a scelta nella quale intenderà sostenere la prova orale.

  • A quale data devono essere posseduti i requisiti di ammissione al concorso?

    I requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione delle domande previsto dal bando.

  • Sono in possesso di un titolo di studio conseguito all’estero ma non ho ancora ricevuto il provvedimento di riconoscimento dell’equivalenza, posso partecipare al concorso?

    Sì, il candidato sarà ammesso con riserva alla procedura concorsuale, purché sia stata attivata la procedura per l’emanazione del provvedimento di cui al citato articolo 38, comma 3, del decreto legislativo n. 165 del 30 marzo 2001. Il candidato dovrà selezionare nella piattaforma di presentazione della domanda l’opzione “attivata procedura di riconoscimento” indicando gli estremi identificativi relativi all’avvenuta presentazione della richiesta di riconoscimento alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della funzione pubblica (numero di protocollo e data).

  • Non ho uno dei requisiti necessari ai fini della partecipazione, ma lo sto acquisendo e lo avrò dopo la scadenza dei termini di iscrizione (es. iscrizione all’Albo), posso comunque partecipare?

    No, tutti i requisiti previsti dal bando debbono essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di partecipazione al concorso. L’unica eccezione riguarda i candidati in possesso di titolo di studio rilasciato da un Istituto estero che abbiano attivato la procedura di riconoscimento secondo le modalità previste dal bando.

  • Il mio titolo di studio può ritenersi equipollente o equiparato a quelli richiesti all'articolo 1 del bando?

    Se il titolo di studio in possesso del candidato non è quello espressamente previsto dal bando di concorso, bisognerà verificarne l’equipollenza e/o l’equiparazione in base alla normativa di riferimento reperibile sul sito del Ministero dell’istruzione dell’università e della ricerca.

  • Quali sono i titoli di studio per partecipare al concorso?

    I titoli di studio sono quelli indicati nell’art. 1 del bando di concorso per ciascun codice di concorso ovvero ad essi equipollenti o equiparati sulla base della normativa vigente.

  • Devo andare necessariamente alla posta per fare il versamento?

    No, è possibile anche effettuare un bonifico on-line che rilasci specifica ricevuta di versamento da allegare alla domanda di partecipazione.

  • Devo necessariamente inserire l’indirizzo PEC e quello di posta elettronica ordinaria?

    Si, all’indirizzo PEC indicato dal candidato sarà inviata la ricevuta di partecipazione e, a garanzia della ricezione della medesima, analogo invio verrà effettuato sulla casella di posta elettronica ordinaria.

  • Cosa succede alla scadenza del termine per l'invio on-line della domanda?

    Avrai accesso all'applicazione esclusivamente per visualizzare e/o stampare la domanda già inoltrata.

  • La domanda contiene refusi e/o errori di digitazione devo rinviarla?

    No. Se l'errore è un semplice refuso e non riguarda dati essenziali (quali ad es. indirizzi email, numero identificativo di iscrizione ad un ordine professionale, numero di figli a carico, etc.) non è necessario inviare una nuova domanda. Nel caso di inserimento di dati completamente errati sarà possibile inviare una nova domanda di partecipazione in sostituzione di quella precedente. Sarà preso in considerazione solo l’ultimo invio in ordine di tempo. A tal fine farà fede la data e ora di presentazione della domanda registrata dal sistema informatico.

  • Cosa devo fare se mi accorgo di avere inoltrato una domanda in cui vi sono degli errori?

    Il candidato deve compilare e inoltrare una nuova domanda entro i termini. Ai fini della partecipazione al concorso, verrà tenuto conto unicamente dell’ultima domanda inviata entro i termini di presentazione. A tal fine farà fede la data e ora di presentazione della domanda registrata dal sistema informatico.

  • Cosa devo fare se mi accorgo di aver inoltrato erroneamente la domanda per un codice di concorso diverso da quello a cui intendevo partecipare?

    Occorre compilare, entro la data di scadenza del termine utile per la presentazione della domanda di partecipazione, una nuova domanda di partecipazione indicando il diverso codice di concorso. L'Amministrazione prenderà in considerazione solo l'ultima domanda pervenuta in ordine di tempo e relativa al codice di concorso ivi indicato. A tal fine farà fede la data e l’ora di presentazione della domanda registrata dal sistema informatico.

  • Posso concorrere per più di un codice di concorso?

    No, ciascun candidato potrà inviare domanda di partecipazione soltanto per uno dei codici di concorso di cui all’articolo 1, comma 1 del bando di concorso e l'Amministrazione prenderà in considerazione solo l'ultima domanda pervenuta in ordine di tempo e relativa al codice di concorso ivi indicato. A tal fine farà fede la data e l’ora di presentazione della domanda registrata dal sistema informatico.

  • È possibile indicare una PEC non intestata a me?

    No. Per la partecipazione al concorso il candidato deve essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) a lui intestato.

  • Cosa succede se invio più volte il format on-line della stessa domanda?

    In questo caso, si tiene conto unicamente dell’ultima domanda inviata nei termini e solo per il codice di concorso ivi indicato.

Accesso alla procedura

  • Come vengono utilizzati i miei dati personali?

    I dati personali forniti dai candidati saranno raccolti presso l’Agenzia delle dogane e dei monopoli e trattati secondo le modalità previste dal bando di concorso.

  • Quali saranno le sedi di servizio?

    Le sedi di servizio presso gli uffici centrali e periferici dell’Agenzia saranno rese note a seguito dell’approvazione delle graduatorie.

  • Posso utilizzare l’indirizzo di posta elettronica ordinaria per inviare documenti?

    No. Le comunicazioni da e per l’Amministrazione possono avvenire esclusivamente utilizzando il proprio indirizzo PEC.

  • Perché non ho ricevuto la e-mail di conferma di iscrizione?

    È possibile che gestore di posta elettronica del candidato abbia interpretato come “spam” il messaggio. Controlli nella cartella specifica. Oppure lei ha inserito solo la PEC per la quale non è prevista la risposta automatica. Inserisca anche la posta elettronica ordinaria.

  • Ho cambiato indirizzo PEC a seguito dell’inoltro della domanda di partecipazione a chi devo comunicarlo?

    Nel caso di variazione dell’indirizzo PEC indicato nella domanda di partecipazione il candidato dovrà comunicare tempestivamente, all’indirizzo PEC dir.personale.reclutamento@pec.adm.gov.it, un nuovo recapito a cui e da cui saranno trasmesse tutte le successive comunicazioni.

  • È prevista la possibilità di identificarsi al sistema tramite SPID. Cos’è SPID?

    L’identità digitale SPID è rilasciata dai gestori di identità digitale (Identity Provider) accreditati presso l'ente preposto. Per ottenere l’identità digitale SPID l’utente deve farne richiesta ad uno di tali gestori che rilascerà le relative credenziali di accesso ai servizi della P.A. Costituisce motivo di esclusione la presentazione o l’inoltro della domanda con credenziali non appartenenti al soggetto che presenta la domanda di partecipazione al concorso.

  • Quali sono le modalità per compilare la domanda online?

    Per poter compilare la domanda è necessario avere un’utenza SPID e seguire pedissequamente le indicazioni contenute nel bando di concorso.